W

4 maggio 2015

Cloud sicuro per PMI e professionisti: SecureDrive di Infocert

Salvare i dati in cloud con un servizio che punta su sicurezza dei dati e privacy, nonché su semplicità d’uso e immediatezza: sono le principali caratteristiche di SecureDrive di InfoCert, certification authority che con questo nuovo prodotto si rivolge a PMI e professionisti con l’esigenza di gestire documenti, anche riservati, con tempi adeguati e caratteristiche di alta affidabilità. Una “cassaforte digitale” che consente di gestire, trasmettere, condividere e conservare i file protetti da un sofisticato sistema di cifratura e password, minimizzando il rischio di perdere dati sensibili.
Su SecureDrive è possibile conservare i dati in cloud e sincronizzarli su diversi dispositivi (pc, smartphone, tablet) con tutti i vantaggi della dematerializzazione ma con le tecnologie più evolute per proteggerne l’integrità e la privacy. InfoCert punta su questi due concetti per affermare il proprio servizio in un mercato fortemente concorrenziale, ma che ha ancora ampi margini di crescita: l’adozione di sistemi cloud professionali per la conservazione e la gestione dei documenti è intorno al 20%.
Il management dell’azienda insiste in particolare su un punto: la sicurezza del cloud di SecureDrive è garantita contrattualmente. Dal punto di vista tecnologico, l’integrità dei documenti è protetta da un sistema che li assicura anche in caso di guasti dell’hardware, backup non autorizzati, modifiche accidentali, cancellazioni. Il brevetto industriale di questa tecnologia è registrato in Italia, Europa e Stati Uniti. Alla sicurezza dell’integrità dei dati si aggiunge quella relativa alla privacy. L’area a sicurezza speciale “SecureVault” è protetta da un sistema di cifratura per cui i dati sono protetti anche dalla stessa InfoCert, che gestisce il sistema. Ulteriori funzioni di “SecurePassword” e “SecureInbox” verranno lanciate sul mercato nelle prossime settimane.
Dunque, un cloud sicuro prima di tutto, ma non solo. Le altre caratteristiche fondamentali del servizio: affidabilità, portabilità, disponibilità dei dati, possibilità di personalizzazione, semplicità e velocità di utilizzo. L’accesso è possibile via Web, attraverso un client su desktop oppure via smartphone o tablet attraverso una App (sistemi operativi supportati, IOS e Android).
L’offerta è segmentata per le diverse esigenze dell’impresa o del professionista, con tre versioni: Lite, Standard e Professional. La prima è una configurazione base per chi ha esigenza di conservare e gestire documenti in cloud; la versione Standard offre la possibilità di conservare e condividere anche file di grandi dimensioni; SecureDrive Professional consente di gestire sul cloud l’intera azienda.
SecureDrive è integrabile con una serie di altri servizi InfoCert come la PEC (posta elettronica certificata), Strong Authentication, Fatturazione Elettronica, Firma, Conservazione Digitale. Danilo Cattaneo, direttore generale InfoCert, spiega:
«Quando si parla di soluzioni cloud nel mondo del business le perplessità e i timori sono ancora molti e riguardano in particolare la perdita del controllo sui dati e le possibili falle nella sicurezza». Per questo InfoCert punta su una soluzione realmente “trusted”, affidabile, «nella convinzione che un cloud sicuro, semplice e attento alle indicazioni normative funzioni da facilitatore e acceleratore del business di aziende di ogni dimensione e professionisti di qualsiasi settore».



Barbara Weisz @ PMI

Torna alle news

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Privacy Policy.